SICILIA COAST TO COAST

CAPO D'ORLANDO

Nel comprensorio dei Nebrodi, sul litorale settentrionale della Sicilia e strategicamente collegata alle principali località dell’isola, Capo d’Orlando è una perla rimasta lontana dai riflettori, ma in grado di immergere i visitatori in un’atmosfera pregna di storia, arte e paesaggi marini tra i più pacifici e incantevoli. Per chi avesse tempo prima dell’imbarco, la città ospita tra i monumenti più celebri il Castello Bastione, un lascito dell’occupazione spagnola risalente al 1500, insieme al museo Antiquarium “Agartinide”, narratore archeologico delle diverse culture succedutesi nei secoli. Gli amanti delle passeggiate immerse nella natura potranno approfittare dell’attesa per attraversare il Sentiero Goletta, un’antica mulattiera di un kilometro che, collegando i due punti principali della cittadina, offre panorami mozzafiato accompagnati dal rumore del mare in sottofondo. Le Cave del Mercadante, situate tra i estremi del porto turistico nei pressi della suggestiva Spiaggia di San Gregorio, sono individuabili facilmente con le basse maree e rappresentano la località balneare principale, anche per il mistero suscitato dalle bizzarre conformazioni rocciose presenti, volute dall’uomo ma dalla funziona ancora sconosciuta. Ricca in folclore, mercatini e tradizioni popolari, la città esprime l’essenza della sua anima proprio nel giorno di ferragosto, con la suggestiva “via crucis marina” del quadro della Madonna di Porto Salvo, e il seguito di barche che lo scortano, a filo d’acqua, verso il faro e le spiagge costiere.

CEFALÙ

Navigando in direzione Est, Cefalù rappresenta una tappa obbligatoria: Distante solo 35 miglia nautiche da Palermo, è un concentrato di storia e bellezze naturali. Abitata sin dai tempi della preistoria, l’area racchiude la bellezza di un fascino millenario: la fondazione e le prima influenze culturali risalgono al popolo greco, che cedette poi il passo ai flussi prima Arabi, poi Normanni. Millenni di storia ancora impressi tra le vie medievali del centro cittadino e nella sua Cattedrale, annoverata tra i monumenti Patrimonio Mondiale, a cui si aggiunge il fascino della parte montuosa che ospita il Parco delle Madonie, che si erge su uno dei paesaggi costieri tra i più emblematici e originali in Sicilia. Annoverata tra i Borghi più belli d’Italia, Cefalù fu edificata a strapiombo di una scogliera per ragioni al tempo tattiche: oltre all’imponente faro di Capo Cefalù, punto di riferimento per individuare l’incantevole Baia di Presidiana, la costa è disseminata di località incantevoli dove fermarsi per un bagno: la Spiaggia di Sant’Ambrogio, la Spiaggia della Marina, la Baia dei Settefrati e Cala Mazzoforno offrono l’imbarazzo della scelta per un momento di relax durante la navigazione verso Palermo.

PALERMO

La più grande delle città siciliane, antica e piena di storia, di architettura e di paesaggi mozzafiato: fondata dai Fenici oltre più di 2500 anni fa, la città si è sviluppata negli anni intorno al suo porto principale, “La Cala”. Tra le mete principali nel perimetro cittadino, Palermo vanta un autentico patrimonio storico: la magnifica Cattedrale, il Palazzo Normanno, Piazza Pretoria e la Chiesa di Santa Caterina, con la sua imponente facciata rinascimentale e gli sfarzosi interni barocchi, un autentico misto di storia, architettura e tradizione che rendono Palermo una città dall’identità unica. A pochi passi dal centro storico, basta addentrarsi attraverso i tipici mercati rionali per cogliere tutta l’essenza dell’animo palermitano: le strade di Capo e Ballarò, due tra i mercati principali, sono un tripudio di profumi, sapori e imperdibili bontà frutto della più originale tradizione gastronomica palermitana, uno spettacolo visivo e sensoriale da non perdere durante una tappa in città.
Non mancano i percorsi naturali, come le escursioni al Monte Pellegrino e al Parco della Favorita. Città costiera per eccellenza, Palermo si distingue per le sue spiagge estese, le pareti rocciose e i piccoli paradisi balneari come Mondello, con la sua lunga spiaggia di sabbia bianca, Sferracavallo, e San Nicola, il porticciolo antico della città, che si aggiunge agli altri ormeggi naturali: Mongerbino, col suggestivo Arco Azzurro, e Sant’Elia.
L’isola delle Femmine, a poche miglia dalle coste della città, è l’ultima tra le grandi attrazioni di quest’area: riserva naturale protetta per la varietà avifaunistica e sottomarina, al suo interno è ricca di ristoranti e locali tipici che tramandano la millenaria tradizione gastronomica isolana, eredità dei popoli succedutosi nel tempo, mentre lungo la costa ospita spiagge di sabbia bianca finissima e mare cristallino, un vero richiamo per gli appassionati di immersioni subacquee, che possono ammirarne le numerose varietà di pesci, i cimeli archeologici sommersi, i relitti subacquei e l’incantevole corallo rosso.

TRAPANI E DINTORNI

Il versante occidentale continua a rappresentare una Sicilia dai mille volti, dove architetture storiche, bellezze costiere, natura e folclore avvolgono e incantano i visitatori a ogni passo. E’ il caso della millenaria Trapani e della magnifica area che la incornicia: il centro è facilmente visitabile a piedi o in bicicletta, e vanta numerosi palazzi barocchi, chiese antiche e lasciti storici, come la Cattedrale di Sant’Agostino, la passeggiata che dalla cinta muraria di Tramontana va a Torre Ligny, simbolo della città a ridosso sul mare, e il Castello della Colombaia, con le incantevoli Isole Egadi all’orizzonte. Tra i principali esportatori di sale del passato, Trapani conserva tuttora diverse Saline lungo la costa, da visitare nel tardo pomeriggio per goderne i riflessi sull’acqua e ammirare gli stormi di fenicotteri adagiati in posa.
Gli amanti del trekking potranno intraprendere un tortuoso percorso verso la città medievale di Erice, un borgo dove il tempo si è fermato, alle pendici di un promontorio sormontato dall’affascinante Castello di Venere, da cui si gode un’irripetibile vista sul Mediterraneo e le coste tunisine. I meno sportivi potranno comunque visitare Erice raggiungendola attraverso una comoda funivia.
I dintorni di Trapani sono disseminati di spiagge selvagge e incontaminate, prima tra tutte la Spiaggia di Macari, all’interno della Riserva Naturale dello Zingaro a San Vito lo Capo, con la sua costa frastagliata incorniciata da una paradisiaca vegetazione spontanea e acquee cristalline. Scopello e la sua baia nascosta Cala Mazzo, Marinella e i suoi resti archeologici, Cala dei Turchi e le sue spiagge di sabbia e roccia sono i lidi principali dove fermarsi durante l’esplorazione costiera di questa magnifica area.

USTICA

Durante la navigazione costiera, avremo la possibilità di puntare verso un’isola solitaria e autentico eremo naturale galleggiante a nord delle coste siciliane. Visibile a occhio nudo nelle giornate di luce tersa, Ustica dista solo 30 miglia nautiche dal porto di Palermo, mostrando ai navigatori in lontananza solo la parte emersa della sua vera natura. Isola di origini vulcaniche di dimensioni tali da comprendere anche un monte sottomarino – Anchise – la superficie di Ustica si caratterizza per le coste nere, aguzze e irregolari, e le rupi a strapiombo sul mare che danno vita a una serie di incantevoli baie e grotte sottomarine: il vero tesoro dell’isola, immerso sotto il livello del mare. Grotta Azzurra, Grotta della Pastizza, la Grotta delle Barche, Grotta del Tuono e Grotta verde sono le più note tra le miriadi di caverne e anfratti che nel tempo hanno reso quest’isola solitaria e discreta un rinomato tempio sottomarino per gli immersionisti accorrenti da ogni parte d’Europa. Per la sua natura geologica unica al mondo, insieme alla fauna subacquea che la accompagna, Ustica e i suoi fondali sono infatti risconossciuti come Riserve Naturali Protette e Patrimonio dell’Umanità.

VUOI SAPERNE DI PIÙ?